Biografia

 
Stefano Giust è un musicista improvvisatore, batterista, compositore e factotum dell’etichetta discografica Setola di Maiale. Il suo lavoro come musicista è focalizzato nell’ampio spettro della musica sperimentale e si sviluppa in direzioni diverse, nelle quali l’improvvisazione ricopre un ruolo centrale. Considera la pratica dell’improvvisazione una forma estetica importante nella musica contemporanea e anche un processo aperto, compatibile con qualsiasi idioma e situazione musicale. Da oltre trent’anni indaga questi aspetti in campo acustico, elettrico, elettronico e audio/video. Collabora con musicisti, compositori, registi, danzatori, attori, poeti e artisti visuali.

Come batterista, il suo linguaggio si concentra sull’impulso ritmico e la sua destrutturazione, abbracciando insieme una potente e ruvida spigolosità, i ritmi asimmetrici, il rumore, il silenzio, l’intensità timbrica, il tempo versatile, l’uso di tecniche estese. La sua cifra stilistica evita gran parte dei luoghi comuni, riuscendo ciononostante a trasmettere una pulsazione che deriva non da un ritmo unitario, ma dall’assemblaggio di vari “microeventi” ritmici; nel relazionarsi in formazione, tiene certamente conto dell’interplay con gli altri musicisti, ma mantiene una chiara indipendenza nel portare avanti un suo discorso, lasciando così alla musica nel suo insieme, la possibilità di svilupparsi liberamente su piani differenziati. Come ha scritto il contrabbassista Peter Jacquemyn, “Stefano ha un approccio molto personale alle percussioni, quasi non dà tempo, è tutta una questione di suggerire il ritmo, e ha uno straordinario sviluppo melodico nella sua musica, eccezionale per i percussionisti. Il suo modo di suonare è astratto e melodico, questo fatto porta un attrito molto interessante, rende la musica più avventurosa, meno prevedibile.” Nel 1994 a Udine, partecipa all’unico workshop di batteria a cui abbia preso parte, tenuto dal grande Han Bennink. In ogni caso, la sua esplorazione non è realmente eclettica come può sembrare guardando alla discografia, piuttosto aderisce ad una estetica peculiare che si esprime e si snoda in diverse forme di musica cosiddetta d’avanguardia, come libera improvvisazione, free jazz, musica elettronica, composizione istantanea e grafica, musica contemporanea, rock sperimentale, elettroacustica, musica acusmatica e minimal techno. Ad oggi ha pubblicato oltre cento album a suo nome e come co-leader.

Nato a Unterseen (Interlaken, Svizzera) il 22 marzo 1968 da genitori italiani, è cresciuto a Pordenone a partire dall’età di sette anni; attualmente vive a Bologna e Pordenone. Autodidatta, inizia a quattordici anni a registrare la sua musica con il progetto solista sperimentale Opera (1982-1989), il cui lavoro è pubblicata in quegli anni dalla storica Old Europa Cafe. Fin dalla prima metà degli anni Ottanta è profondamente immerso nell’autoproduzione radicale, quella che da allora comincerà a chiamarsi Cassette Culture o Tape Network e che prenderà varie direzioni. Negli anni, il suo approccio artistico e organizzativo sono rimasti senza compromessi e legati ad una attitudine DIY.

Se con Opera inizia la sua attività musicale come solista, il primo gruppo in cui suona la batteria sono i Red Glass Hearts (1986-87). È però con il gruppo successivo Le Bambine (1987-95) che si affina, suonando centinaia di concerti e pubblicando complessivamente quattro album. Dalle sue ceneri nasce l’Orbitale Trio (1995-1998), un piccolo ensemble totalmente rivolto alla libera improvvisazione, al free jazz e alla sperimentazione; è a cominciare da questo trio – e in parte dall’album in solo Ripercuotere (1994) – che il suo batterismo comincia a concentrarsi sul suono e sul ritmo come flusso continuo e variabile, non pensato più in termini di metro e misura.

Ha tenuto concerti in Italia, Inghilterra, Scozia, Paesi Bassi, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Svizzera, Austria, Slovenja, Belgio, Polonia, Croazia, Brasile e Vietnam.

Ha suonato con Dominik Gawara, Gianni Gebbia, Tobias Delius, Mick Beck, Luc Ex, Kris Wanders, Herb Robertson, Alessandro Bosetti, Steve Beresford, Tristan Honsinger, Lotte Anker, Jean-Luc Guionnet, Edoardo Marraffa, Guido Mazzon, Ken Hyder, Thollem McDonas, Peter Jacquemyn, Gianni Mimmo, Clayton Thomas, Roy Paci, Liz Allbee, Wolfgang Reisinger, Eugenio Sanna, Vincenzo Vasi, Marco Eneidi, Burkhard Beins, Massimo Falascone, Martin Mayes, Giorgio Pacorig, Cristiano Calcagnile, Chris Heenan, Patrizia Oliva, Edoardo Ricci, Keiko Higuchi, Carlo Actis Dato, Stéphane Rives, Luca Miti, Nils Gerold, MaryClare Brzytwa, Luigi Lullo Mosso, Bob Marsh, Francesco Guerri, Walter Prati, Pierpaolo Capovilla, Alessandra Novaga, Xabier Iriondo, Roberto Zorzi, Maresuke Okamoto, Gianni Lenoci, Jonas Kocher, Luciano Caruso, IoIoI, Marcello Magliocchi, Filippo Monico, Kanoko Nishi, Bart Maris, Nicola Guazzaloca, Domenico Caliri, Claudio Lodati, Vittorino Curci, Roberto Ottaviano, Andy Diagram, Roberto Bellatalla, Jacopo Andreini, Bruno Romani, Hannes Krebs, Tiziana Lo Conte, Guy Strale, Stefano Bartolini, Martin Wichtel, Valeria Merlini aka JD Zazie, Chris Iemulo, Marino José Malagnino, Marco Tabellini, Kilian Schrader, Ivan Pilat, João Pais Filipe, Luca Cartolari, Alessandro Cartolari, Karen O’Brien, Andrej Bako, Andrea Biondello, André Coelho, Fabio Sfregola, Mario Rechtern, Stefan Krist, Sergio Fedele, Vito Maria Laforgia, Giuseppe Mariani, Jeppa K Hall, Vincenzo Ramaglia, Claudio Comandini, il poeta Federico Tavan, Eric Arn, Michele Brieda, Daniele Pagliero, Mat Pogo, Fred Casadei, Renato Ciunfrini, Shawn Clocchiatti-Oakey, Cristiano Luciani, Marco Maurizi, Enrico Malatesta, Sakis Papadimitriou, Michel Le Maigne, Giorgio Simbola, Daniele Giannotta, Emmanuel Louis, Ak2deru, Luca Bernard, Filippo Giuffrè, Flavio Zanuttini, Dario Fariello, Giorgia Sylleou, Frantz Loriot, Andrea Laino, Tuia Cherici, Maurizio Suppo, Gareth Mitchell, Massimo Ceccarelli, Norontako Bagus Kentus, Alessandro Boscolo, Victor L. P. Young, Federico De Pizzol, Marco Crestani, Bratko Bibič, Claudia Cancellotti, Igor Alban Chevalier, Teho Teardo, Fulvia De Colle, Marco Carcasi, Pat Riské, Lorenzo Commisso, Paul Snowdon, Walter Belloni, Matthias Boss, Patrizio Pica aka Ben Presto, Bartolomeo Sailer aka Wang Inc., Luca Vortex, Sergio Cacherano Staropoli, Mike Goyvaerts, Margarida Guia, Marco Loprieno, Nicole Legros, Davide Lorenzon, Alessandro Fiorin Damiani, Alberto Collodel, Jean-Michel Van Schouwburg, Lorenzo Gabriele, Francesco Rosati, Jonny Drury, Andrea Gulli, Paolo Pascolo, Manfred Riolsperger, Lucio Corenzi, Gianluca Varone, Errico De Fabritiis, Stefano Cogolo, Deborah Walker, Silvia Tarozzi, John Cuny, Massimo Miola, Rinus Van Alebeek, Mikaele Pellegrino, Herbert Lacina, Stefano Ferrian, Luca Pissavini, Alexandre Soares, Gustavo Costa, Henrique Fernandes, Beppe Scardino, Hervé Boghossian, Jeff Gburek, Edi Leo, Pino Montecalvo, Silvia Kastel, Ninni Morgia, Alessandro Calbucci, Noel Taylor, Diego Cofone aka Dicofone, Andrea Reali, Paed Conca, Luca Serrapiglio, Carlo Garof, Gian Luigi Diana, Liviano Mos, Roberto Lugli, Angelo Contini, Pat Moonchy, Bassirou Diakhate, Cristina Lodolo, Rudi Fischerlehner, Elisabetta Lanfredini, Francesco Calandrino, Marco Calandrino, Piero la Rocca, Dario De Filippo, Florinda Pecoraro, Gandolfo Pagano, Illi Adato, Camillo Amalfi, Roberto Fega, Paolo Sanna, Elia Casu, Agnes Szelag, Norman Teale aka The Norman Conquest, Paolo Falascone, John Hughes, Mario Arcari, Roberto Del Piano, Alessandra Bossa, Erika Sofia Sollo, Michele Anelli, poet Acg Vianen, Rik van Iersel, Raoul van der Weide, Siem Nozza, Edward Capel, Victor Suy Bio, Timo van Luijk, Marco Cristofolini, Julian Plaickner, Karolina Ossowska, Josh Kopeček, Thanh Thuy, Tra My, Pham Thi Hue, Nguyen Xuan Son aka Sonx, Kim Ngoc, Jakob Riis, Terje Thiwång, Henrik Frisk, Stefan Östersjö, Paolo Monti, Federico Gerini, Nicola Cattaneo, Franco Cortellessa, Giorgio Muresu, Alberto Mandarini, Emanuele Parrini, Paki Gennaro, Kole Laca, Francesco Lobina, Alberto N. A. Turra, Guglielmo Pagnozzi, Silvia Cignoli, Matteo a Marca, Elisa Ulian, Christina Ruf, Armando Battiston, Kostas Theodorou aka Dine Doneff, Sylvia Bruckner, Andrea Grossi, Luca Calabrese, Alberto Tacchini, Fabio Volpi, Rosarita Crisafi, Fabio Mina, Ferdinando Faraò, Eloisa Manera, Riccardo Luppi, Claudio Lugo, i quattro poeti Vid Jeraj, Zarko Jovanovski, Ždral De Fis and Siniša Matasović, Pozsár Máté, Peter Ajtai, Miklós Szilveszter, Emil Gross, Boris Janje, Jošt Drašler, Tomaž Grom, Markus Krispel, Marta Sacchi, Dimitris Havellas, Niki Dolp, Jakob Gnigler, Simon Frick, Tomasz Leś, Erich Schachtner, Kézdy Luca, Chiao-Hua Chang, Yoko Miura, Riccardo Marogna, Gabriele Cancelli, Kei Yoshida, Alessandra Lack, Tommaso Marte, Cene Resnik, Angelo Russo, Albert Márkos, Heather Saumer, Ewald Oberleitner, Silvia Bolognesi, Bea Labikova, Hélène Labarrière, Massimo De Mattia, Giovanni Maier.

Insieme ad altri musicisti ha dato vita a molti gruppi: Camusi, Mahakaruna Quartet (IT/SLO), Neu Musik Projekt, Transition (IT/DE), Nervidi, Magimc (IT/USA), Aghe Clope, Crash Trio, One Lip 5, The Five Roosters (IT/UK), TAI No-Orchestra, Gamra (IT/CH), Papiers Collés, Memento Mari (IT/BE), Carver, NotG, Ògun, Gebbia/Giust/Iriondo, L’Amorth Duo, Squame, Skinstrings, Suonimmagine, Kongrosian Trio, Ipersensity, Babelis Project, Setoladimaiale Unit, Gbur, Margine, Orbitale Trio, Kalte Haut Brennendes Fleisch, Le Bambine, Red Glass Hearts, Crime’o’Nautix, Opera.
Registrazioni e/o concerti con Pierpaolo Capovilla (Obtorto Collo Tour 2014, Interiezioni 2016), Fred Casadei Spiritual Unity, Rediffusion (UK), Roy Paci’s Furious Alchemy Collective (IT/NL), Trio Solzenicyn, DIN-Collective (UK), Strähne Trio (DE), Lendormin, Phil Minton’s Feral Choir (UK/IT), Maisie, Gravida (IT/USA), Vonneumann, Retrograde Collective (PL/USA/FR/IT), Larsen Lombriki, Kongrosian Quartet, Sektor 304 (PT), Vincenzo Ramaglia’s Chimera, Gruppo Oreste, Dokuro (USA), Being Together (VN/IT/SE/DK/DE), Bologna Improvisers Orchestra, Collectif Inaudible (BE), Collettivo di Resistenza Culturale, Blistrap (UK), Star Pillow, Rik van Iersel’s Senga Etna (NL/BE/IT), Ridmo (AT/DE/SLO/IT/HU).
Ha condiviso locandine e palchi con un gran numero di musicisti, anche diversissimi tra loro, tra cui Evan Parker, Primus, Fugazi, John Russell, Fishbones, Negazione, John Edwards, Raphael Gualazzi, SISU Percussion Ensemble, D.O.A., Jozef van Wissem, Manuel Mota, Fuzztones, Chris Corsano, Marta sui Tubi, Paul Rogers, Verbal Assoult, Freak Antoni, John Wiese, Flashtones, Karlheinz Essl, Zu, Joe McPhee e GX Jupitter-Larsen.

Ha suonato in festival internazionali, tra cui Hanoi New Music Festival (Vietnam), AngelicA – Centro di Ricerca Musicale (Bologna), Mostra SESC de Artes (São Paulo, Brasile), BRDA Contemporary Music Festival (Smartno, Slovenia), MIBnight Jazz Festival (Bremen, Germania), Interpenetration Festival (Graz), Chilli Jazz Festival (Heiligenkreuz im Lafnitztal, Austria ’14, ’15, ’16), ImproCON (Kumrovec, Croazia), Axes Beuk Festival (Eindhoven), TAI Fest #2, #3 (Milano ’15, ’16), Drittes Kleines Festival Der Anderen Art (Berna), Italian Jazz Rebels (Bologna), Festival Sons Libérés (Bruxelles), Possible Setting Amirani Festival (Milano), Retrograde In The Dromosphere Festival (Poznań‎, Polonia), Tarcento Jazz Festival (Udine), Fonomanie (Bari), Pre Sonar Event (Londra), Corde Pizzicate (Torino), Scatole Sonore (Roma ’07, ’08, ’09), Mopomoso (Londra), Note Non Note/Nuove Partiture e Improvvisazione (Biblioteca Nazionale Centrale, Roma), Arezzo Wave, Venetian Industries Festival (Venezia), Scrusci Festival (Alcamo, Trapani), Asti Musica 2014, Villa Ada – Roma incontra il mondo; rassegne d’arte contemporanea, tra cui la 48ma Biennale di Venezia (’99), Biennale Internazionale Arte Giovane (Torino), Hic Et Nunc (Udine ’02, ’03, ’04), Azioni Inclementi (Vicenza); gallerie d’arte come Fondazione Mudima (Milano), Galleria Neon Campobase (Bologna), Italo Chiodi Studio (Bergamo), Villa Manin (Udine ’02, ’05, ’06, ’14), Illuseum (Amsterdam), Galleria Contemporaneo (Venezia), Museolaboratorio (Città Sant’Angelo, Pescara); teatri come Hanoi Youth Theater (Vietnam), Teatro Santana (São Paulo, Brasile), Teatro Miela (Trieste ’90, ’04), Passos Manuel (Porto), Teatro Abeliano (Bari), Petit Théâtre Mercelis (Bruxelles), Teatro Verdi (Piacenza), Teatro San Leonardo (Bologna), Spazio Sì (Bologna), Sala Piatti (Bergamo Alta), Teatro Gustavo Modena (Genova), Educatorio della Provvidenza (Torino), Teatro Verdi (Pordenone), Teatro De Micheli (Ferrara), ex Teatro delle Marionette (Milano), Teatro Herberia (Rubiera); clubs come Vortex (Londra), Area Sismica (Forlì), Postgarage (Graz), Klub Gustaf-Pekarna (Maribor), Wendel (Berlino), Spazio Aereo (Marghera), Fluc (Vienna), The Klinker (Londra ’07, ’08), Masada (Milano), Celeste – Neu New York/Vienna Institute Of Improvised Music (Vienna), Orion (Roma), TPO (Bologna), Magnolia (Milano), La Centrale (Bordeaux), Druso Circus (Bergamo), Bloom (Milano), Sowieso (Berlino), Hiroshima Mon Amour (Torino), Fuori Orario (Reggio Emilia), Viper Theatre (Firenze), Sounds Food (Cuneo); centri culturali come ZDB/Galeria Zé Dos Bois (Lisbona), Buro-Beukorkest / Temporary Art Centre TAC (Eindhoven), DomDom-The Hub For Experimental Music & Art (Zone 9, Hanoi, Vietnam), KUD France Prešeren (Ljubljana), Rialtosantambrogio (Roma), Amann Studio (Vienna), The Foundry (Londra), Centro Stabile di Cultura (Vicenza), Staalplaat (Berlino), Istituto Italiano di Cultura in Slovenia (Ljubljana), Gängeviertel (Amburgo), The Noise Upstairs (Manchester), WIM (Zürich); centri sociali come Leoncavallo (Milano), Reitschule (Berna), Rivolta (Marghera), Volturno (Udine), Morion (Venezia); luoghi antichi come l’Abbazia di San Zeno (Pisa), Villa Capriglio (Torino), i ruderi della chiesa dell’Annunziata (Alcamo, Trapani), la Fortezza di Vinadio (Cuneo), Sala Santa Maria (Acqui Terme), Piazza Libertà (Campi Salentina), Castello di Moncalieri / Giardino delle Rose (Moncalieri); Università come l’Accademia di Belle Arti di Bologna, DAMS – Disciplina delle Arti, Musica e Spettacolo di Torino, IUAV – Istituto Universitario di Architettura di Venezia, IED – Istituto Europeo di Design, Milano; festival multidisciplinari come Danae Festival (Milano), Lago Film Fest (Revine Lago), Torture Garden (Buttrio, parco di Toppo Florio); performance presso stazioni radiofoniche come la storica radio sperimentale Resonance 104.4FM del London Musicians’ Collective (Londra ’05, ’09), Radio Kairos (Bologna). Ha musicato, improvvisando dal vivo, colonne sonore per video arte e film di Marcel Duchamp, Fernand Léger, Man Ray, Stan Brakhage, Tuia Cherici, Ciprì / Maresco, Derek Jarman, Roberto Masotti, Gianluca Lo Presti, Fania Palma / Enea Garrapa; light performance con il finlandese VJ Hellstone, Hybrida Light Show, Max Klein e altri.

Come compositore di musiche non ortodosse, acusmatiche ed elettroniche, alcuni suoi lavori sono stati utilizzati dai registi sperimentali Giovanni Andreotta e Fabrizio Personeni e per video installazioni di Gorazd Krnc, Toni Mestrovic, Alessandro Amaducci, Sammlerfamilie/Filoart, Tullio De Gennaro, Renzo Cevro-Vukovic, Alan De Cecco aka Soda, Iris Ollschewski, Lorenzo Commisso; in posti come AD’A-Area D’Azione (Rocca Sforzesca, Imola), Sguardi Sonori 2008 – Festival of Media and Time Based Art (CAM Casoria Contemporary Art Museum, Napoli), Sguardi Sonori 2014 – Stars (Museo Pietro Canonica, Villa Borghese, Roma), Museolaboratorio. Alcune sue musiche elettroniche sono state utilizzate in un video e opera teatrale eseguite al Teatro Nacional de El Salvador (San Salvador). Nel 2005, il progetto audio/video Papiers Collés è segnalato al Premio Nazionale delle Arti Multimediali del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Nel 2003, la prassi del networking e l’estetica musicale di Stefano Giust sono state analizzate nella tesi di laurea con lode di Ivan Dal Cin, dal titolo “L’Arte Partecipante”, Università degli Studi di Udine.
Nel 2016 è invitato in Francia, alla Cascade (Bourg St Andéol), dalla coreografa e regista Caterina Mochi Sismondi, come tutor sull’opera e la vita di John Cage per la compagnia di danza BlucinQue, nello specifico per il lavoro intitolato “We 273″, della stessa Mochi Sismondi e a Cage dedicato.
Sempre nel 2016, su invito del direttore artistico Massimo Simonini, Giust organizza per la Stagione Concertistica 2016/2017 di AngelicA – Centro di Ricerca Musicale di Bologna, una serie di quattro concerti, dei quali uno lo vede impegnato come musicista; tutti i concerti si tengono al Teatro San Leonardo di Bologna.

Il suo lavoro è stato trasmesso da molte stazioni radiofoniche, tra cui Rai Radio-Tre, Radio Popolare, Resonance 104.4FM (Londra), Radio-UAT (Messico), Taran’s Free Jazz Hour (Francia ed Europa), Triple R Radio (Australia), 2SER/Curved Radio (Australia), KFJC (San Francisco) e Radio Bremen (Germania).

Nel 1993 ha fondato l’etichetta discografica Setola di Maiale, label che divulga il suo lavoro così come il lavoro di tanti musicisti sperimentali internazionali: ad oggi ha prodotto oltre 330 titoli, coinvolto 600 musicisti e organizzato 3 festival, nel 1997 e nel 2003.
 


Breve biografia in italiano
Complete biography
Short biography


Head

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Creative Commons

Comments are closed.